Lunedì, 27 Febbraio 2017 12:34

Costa Iblea in Sicilia: una terra ricca di storia

Scritto da 

Quando si parla della Sicilia, si deve evitare di cadere nella trappola dei luoghi comuni e concentrarsi sulla ricchezza di questa terra che offre l’occasione per addentrarsi dentro le sue bellezze.
Chi ha l’occasione per visitare la parte sud-orientale dell’isola, può conoscere le bellezze di questo territorio ma anche fare un percorso nella storia antica di quella che fu terra sempre ambita da ogni popolo. Ecco cosa vedere durante un soggiorno in terra Iblea.

Gli scavi archeologici di Megara Hyblea che si possono vedere nei pressi della cittadina di Augusta meritano di essere conosciuti, dimenticando il panorama presente che è dominato dalle raffinerie che ci sono, per vivere un tuffo nel passato ed immaginare come potesse essere la vita molti secoli fa.
Proseguendo in questo ideale itinerario, una visita a Pantalica rivela due facce di una stessa medaglia che appartengono a questo luogo vicino a Siracusa e che sono, la Riserva Naturale di Pantalica e la Valle dell’Anapo.


Pantalica è una necropoli che si articola all’interno di un territorio speciale che ha originato il fatto di essere una riserva natura per via dell’importanza assunta coniugando natura, archeologia ed etnoantropologia in seno a questo altopiano. Chi visita il sito può percorre i sentieri che permettono un comodo passaggio all’interno di una ricca vegetazione boschiva per giungere fino al luogo un cui è presente un nido di tombe scavate all’interno delle pareti calcaree che precipitano sul sottostante fiume generando scenografici canyon. La bellezza e l’importanza di questa riserva è stata ragione per la quale è entrata a far parte della lista dell’UNESCO di Patrimonio dell’Umanità.
Imperdibile risulta essere la conoscenza di Siracusa che già da sola motiverebbe un soggiorno sulla costa Iblea.
La città è un concentrato di preziose testimonianze del suo passato ellenistico-romano e di altre ancora. Una panoramica della cittadina non può prescindere da una visita alla Fonte Aretusa, all’orecchio di Dioniso, alle catacombe, ai vari palazzi nobiliari del centro storico, a Villa Reimann, al Duomo, al Castello Maniace e al Ginnasio Romano. Come non può mancare la visita di Ortigia, l’isolotto collegato alla terraferma con tre ponti e che ospita la parte più antica di Siracusa.

Per scoprire tutte le meraviglie di questa terra cosnigliamo di trascorrere le vacanze presso l’iGV Club Baia Samuele, il luogo ideale per un soggiorno elegante dove il concetto di ‘villaggio club’ assume tutt’altra valenza.

Un soggiorno ricco di storia, arte, cultura ma anche relax

Per impreziosire la vacanza, delle facili escursioni in terra Iblea consentono di non mancare a degli imperdibili appuntamenti con la storia e la natura come la Val di Noto che annovera le cittadine di Ragusa Ibla, Modica, Scicli e Noto che raggruppano dei tesori dell’arte barocca e che sono inserite all’interno dei siti dell’UNESCO.
Non solo gli appassionati della natura potranno apprezzare le bellezze che si trovano nella Riserva di Vendicari a partire dal limpido mare caratterizzato da tonalità che dall’azzurro chiaro passa ad essere blu cobalto e dalla spiaggia diCalamosche, tra le più bella dell’intera isola.

Verso la parte più estrema della Sicilia si trova il pittoresco borgo di pescatori di Marzamemi caratterizzato da piazza Regina Margherita che è divenuto il centro della movida che interessa villeggianti e residenti che apprezzano la semplicità di un luogo incantato.

Altri interessanti spunti per escursioni sono rappresentati da Capopassero, dall’Isola delle Correnti, da Caltagirone e da Piazza Armerina ma la lista potrebbe continuare con altre località dove riscontrare per proprio conto, il motivo per il quale è bene visitarle.

Letto 785 volte
Altro in questa categoria: « Crisi e cartomanzia: quale legame?