Martedì, 18 Novembre 2014 13:48

Un elemento fondamentale dell'architettura, le scale per interni

Scritto da 

Le scale per interni possono essere o in muratura o prefabbricate. Le scale prefabbricate rispetto a quelle in muratura offrono una miriade di soluzioni adate per ogni esigenza e arredamento, infatti vengono realizzate in svariati materiali spesso mixati fra loro, i materiali utilizzati sono in metallo verniciato, l’acciaio inox satinato, il legno ed il vetro.

Grandi famiglie di scale per interni

Le scale per interni possono dividersi in due grandi famiglie, le scale a giorno e le scale a chiocciola. All’interno delle scale a giorno possiamo avere diversi tipi di strutture portanti, ci sono scale con mono o doppia struttura sottostante al gradino, scale con mono o doppia struttura a fianco del gradino oppure possiamo avere scale senza struttura che si ancorano direttamente alla parete dette anche scale a sbalzo. I gradini possono essere in metallo, legno o vetro temperato e stratificato, mentre le ringhiere si possono realizzare con classiche colonne in metallo o legno , con tondini orizzontali in acciaio inox oppure in vetro.

Tipi di scale a giorno

Le scale a giorno possono essere in kit o su misura, ovviamente il su misura e’ meglio perche’ se ti affidi ad un’azienda sapra’ sfruttare ed ottimizzare i tuoi spazi che sono sempre piu’ spesso esigui e pieni di ostacoli da zig-zagare come porte, finestre, termosifoni ecc ecc. Anche per le scale a chiocciola esistono tante proposte , scale con palo centrale in legno, in metallo o in acciaio inox, il gradino puo’ essere in legno, metallo o vetro e le ringhiere possono essere tradizionali a colonne, tondini obliqui e per i piu’ esigenti in vetro. Il palo centrale di queste ultime puo’ essere tradizionale cilindrico o elicoidale sia in legno che in metallo. Cosa scegliere in questo panorama vastissimo? Bhe forse e’ meglio farsi consigliare da esperti e non andare con il fai da te. Le scale sono prodotti molto difficili da studiare e posare quindi meglio affidarsi a coloro che lo fanno per mestiere i quali prima di vendere un prodotto vendono consulenza.

L'utilizzo o meno di scale a chiocciola in un appartamento o in una villetta è un argomento piuttosto controverso per un architetto.
Esse di certo non hanno la stessa solidità e comodità delle scale a giorno, ma presentano una serie di vantaggi che è bene non ignorare.

Design e praticità delle Scale a Chiocciola: Vantaggi e svantaggi

Le scale a chiocciola hanno una struttura che, se sfruttata con perizia, risulta essere moderna e gradevole alla vista.
Le scale per interni si coniugano bene all'interno di case di tipo tradizionale o che richiamino una tipologia di ambiente rurale/naturale.
Il sostegno centrale, realizzato di solito in legno o ferro, può essere decorato o presentare un design particolare, rendendolo, dunque, parte integrante dell'arredamento dell'ambiente.
Anche la forma ed il materiale dei gradini può essere personalizzato. Si possono avere gradini con fattezze più morbide o più tradizionali.
Nel mondo delle scale a chiocciola si cela grande varietà di scelta, che va incontro al gusto o al bisogno dell'inquilino.

Altro vantaggio delle scale a chiocciola sono i tempi di montaggio, molto più brevi e meno dispendiosi per chi ne commissiona la costruzione, proprio a causa dei materiali leggeri di cui esse sono costituite.

Spazio: confronto fra scale a chiocciola e scale a giorno

Il motivo principale per cui si sceglie di impiegare le scale a chiocciola resta comunque la loro dimensione ridotta.
L'estensione orizzontale della scala in spazi casalinghi risulta un problema, soprattutto se essa non era stata prevista nel disegno originario dell'ambiente.
Quindi le scale a chiocciola rimangono una soluzione necessaria in seguito a lavori di ristrutturazione o la realizzazione di un soppalco.

Le scale (secondo il D.M. Ministero dei LL. PP. 14/06/89 n°236) devono rispondere alla formula di Blondel, la quale prevede una proporzionalità di relazione fra alzata (altezza del gradino) e pedata (spazio necessario a poggiare il piede).
Generalmente si tratta di un rapporto 30cm x 15cm, dove 30 cm è la pedata e 15 cm l'alzata. In fase di progettazione, inoltre, ogni quindici gradini bisogna prevedere lo spazio per un pianerottolo e la rampa di una scala a giorno deve essere minimo di 80 cm di larghezza.

Dunque una scala di quindici gradini coprirà in altezza 300 cm, si estenderà in lunghezza per 450 cm circa ed in larghezza di minimo 80 cm.

Il diametro totale delle scale a chiocciola è, invece, di soli 110 cm.
Si possono realizzare scale a chiocciola più grandi e più comode, tutto sta nello spazio a disposizione, ciò non toglie che il risparmio sia comunque notevole da tutti i punti di vista.

Letto 3653 volte Ultima modifica il Domenica, 25 Giugno 2017 17:31