Lunedì, 02 Febbraio 2015 16:34

Dipinti moderni, arte moderna e il suo mercato elitario

Scritto da 

La caratteristica principale dell’arte moderna è quella di rifiutare il rapporto con il passato, in maniera netta e decisa, attraverso la realizzazione di opere particolari, che esprimono il rifiuto dei pittori di rappresentare e di dare voce alle espressioni artistiche del passato, ed una maggiore apertura verso la ricerca e la sperimentazione.

Quando parliamo di arte moderna ci riferiamo sia alle opere moderne nel senso generale del termine, sia ai dipinti moderni in particolare: queste opere rappresentano il passaggio concettuale ed artistico che in epoca moderna è stato rappresentato con il rifiuto del passato e con la ricerca di nuove forme, e di nuove modalità di rappresentazione della natura  della realtà.

Parlando di dipinti moderni, potremmo fare un errore molto comune, che è quello di identificare l’arte moderna solo con l’arte contemporanea: in questo caso, però, dobbiamo prestare una maggiore attenzione e indicare nell’arte moderna tutte quelle opere e quei quadri che si distaccano, per tecniche riproduttive, per soggetti, e per uso del colore e delle pennellate, dall’arte antica.

Oggi si parla di arte moderna e di arte contemporanea e postmoderna, proprio per fare una distinzione tra l’arte di recente sperimentazione e l’arte che, seppur appartenente a qualche secolo fa, è comunque possibile definire moderna per i motivi di cui abbiamo parlato.
Un esempio di arte moderna e di dipinti moderni nel senso reale del termine è dato dalla corrente dell’Impressionismo, che rivoluzionò, per mano di pittori come Monet, Manet, Degas, Renoir, e molti altri, sia l’importanza dei soggetti, sia l’uso di colori e pennellate. Con un totale rifiuto verso l’inflessibilità delle opere e delle correnti artistiche precedenti, questi pittori sperimentarono uno stile pittorico che fu motivo della loro fortuna: l’uso di piccole pennellate, l’impiego sapiente dei colori, per raffigurare, in maniera del tutto diversa, i soggetti dei loro dipinti moderni, che non erano inseriti nel contesto degli studi come spesso avveniva.
La caratteristica principale di questi dipinti, infatti, è insita proprio nell’uso dello stile en plein air, che prevedeva l’uscita ed il rifiuto dei freddi studi, delle botteghe e dei laboratori, per rappresentare la realtà e la natura dal vivo, in uno spazio aperto, all’aria aperta, appunto. Soggetti di vita quotidiana, come donne nelle loro passeggiate pomeridiane, la rappresentazione della natura, i campi di grano, le notti stellate, sono la punta di diamante di questi dipinti che, proprio per questi motivi, hanno rappresentato una vera e propria rottura con l’arte precedente.

Il mercato dell’arte moderna

Il mercato dell'arte moderna rappresenta ovviamente un segmento a parte all'interno del quale si scambiano tutte quelle opere e quei lavori in particolar modo di artisti non ancora affermati, in molti casi emergenti, che intendono raggiungere i vertici riconosciuti nel settore dell'arte internazionale.
È un mercato sicuramente di elite dove queste opere si scambiano principalmente tra clienti molto benestanti tramite aste oppure tramite fiere o ancora tramite le gallerie d'arte specifiche con contatti privati. È un settore quindi molto particolare che viene regolamentato un po' da regole interne, dove gli affari si concludono magari in locali Ici e risulta parecchio complicato capirne i meccanismi se non si opera al suo interno da un po' di anni in quanto non vi è un'autorità ufficiale che lo regolamenta dall'esterno.

Queste regole sono più che altro un codice convenzionale che viene rispettato da tutti e che permette ovviamente di riconoscere gli esperti di settore da coloro che si stanno avvicinando da poco e magari simulano esperienza dell'arte moderna o cose di questo tipo. Per questo motivo per entrare all'interno di questo mercato non bastano solo delle enormi disponibilità economiche, ma soprattutto i giusti contatti e le giuste conoscenze del settore dell'arte. Il tutto si basa ovviamente su una rendita particolare imperniata sull'aumento della percezione del valore di un'opera aumentando ovviamente il senso di esclusività della stessa.

Letto 2179 volte